La Torre dei Gualtieri a San Benedetto del Tronto

Imponente e straordinariamente bella, la Torre dei Gualtieri a San Benedetto del Tronto rappresenta un pezzo di storia della città.

La Torre dei Gualtieri è tutto ciò che rimane di un antico castello medievale, oggi considerata simbolo della città e memoria del passato.

Denominata anche Mastio della Rocca, o più popolarmente Torrione, spicca nella parte alta della città, dominando l’intero Paese Alto e la Riviera delle Palme.

La Torre dei Gualtieri fu costruita negli ultimi vent’anni del XV secolo, dopo una ristrutturazione di tutta la cinta muraria a seguito di un nuovo conflitto tra Ascoli e Fermo.

Fu fortemente voluta probabilmente dalla famiglia Gualtieri che intorno al 1145 volle ricostruire il castello a posto delle rovine dell’antica pieve distrutta dai pirati turchi o dalle invasioni barbariche.
I lavori terminarono proprio con la costruzione in laterizio di questa insolita torre con pianta esagonale schiacciata, alta solo 20 m.

Con essa si poteva sorvegliare un grande spazio costiero, tenuto conto che nel raggio di osservazione non vi erano altre costruzioni che bloccavano la visuale.

La Torre è stata poi arricchita nel 1901 da una merlatura superiore, su progetto dell’architetto Giuseppe Sacconi, ed un imponente orologio sul lato rivolto verso il mare, che ad oggi scandisce le ore a tutti i cittadini.
L’interno è invece suddiviso in quattro livelli con copertura a botte cuspidata nei primi due, ed a volta nei successivi.

Salendo per le scale della Torre dei Gualtieri è possibile osservare il caratteristico meccanismo dell’orologio, fino ad arrivare in cima, dove si può godere di una stupenda vista a 360° sulla città e sul Mare Adriatico, ammirando da vicino anche le campane.